Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

17febbraio
2017

Domenico Starnone, “Scherzetto”, Einaudi

LEGGI LA RECENSIONE

News

Circoli di lettura, titoli per il 2017

06dicembre
2016

Ecco i titoli sui quali abbiamo lavorato a febbraio e lavoreremo a marzo e aprile (resta per maggio il gusto della sorpresa).

CIRCOLI DI BELLINZONA, LUGANO E LUGANO SERALE
Lunedì 6 febbraio e martedì 7 febbraio 2017
Edith Wharton, “Ethan Frome”, Rizzoli (fatto)
Lunedì 6 e martedi 7 marzo:
Giovanni Orelli, “L’anno della valanga”, Casagrande
(un omaggio postumo all’autore, appena scomparso)

NELL'IMMAGINE: IL VILLAGGIO DI BEDRETTO, LUOGO DEL ROMANZO L'ANNO DELLA VALANGA
Lunedi 3 e martedi 4 aprile 2017
Carlo Cassola, “Fausto e Anna”, Mondadori
(nel centenario della nascita dello scrittore)

CIRCOLO DI VACALLO
Mercoledi 8 febbraio
Edith Warthon, “Ethan Frome”, Rizzoli e
Chiara Tozzi, “Quasi una vita”, Feltrinelli (fatto)

CIRCOLO DI LUCERNA
Martedì 14 febbraio
Giovanni Orelli, “L’anno della valanga” Casagrande (fatto)

Novità da leggere

Scherzetto

17febbraio
2017

Ecco un romanzo italiano nuovo, fresco e intrigante, scritto da un autore già affermato e maturo, Domenico Starnone. Il quale, fra l’altro, fu ed è sospettato di essere, a due o a quattro mani, “Elena Ferrante”, nome e inventato di chi ha inventato “L’amica geniale”. Uno scherzo astuto, sarebbe il suo, fra divertimento e furbizia editoriale.

Continua

Novità da leggere

Un giorno della vita

27gennaio
2017

Tornano finalmente i bei racconti di Giorgio Orelli.

Continua

Novità da leggere

Le otto montagne

06gennaio
2017

Un ragazzo di città, Pietro, passa le estati in un villaggio di montagna, sotto il Monte Rosa. Si lega d’amicizia, lassù, con un ragazzo del luogo, Bruno. I due sono diversi e si fiutano, cauti.

Continua

Novità da leggere

La strada nel bosco

04dicembre
2016

L’ispettore Morse, ruvido e scostante, intelligente e umorale, poliziotto di Oxford, si muove nel suo mondo british di nebbie e di pub, coltiva una eccezionale mente razionale e un più irrazionale gusto per i bicchieri in eccesso e per le donne sbagliate, ama la musica di Wagner e i misteri. Stavolta l’ispettore va in vacanza, nel Dorset. In un bar dà un’occhiata al Times e scopre un annuncio, pubblicato su iniziativa della polizia: uno strano poema che parla di una ragazza e di un bosco. Morse, che ha intuito finissimo, capisce che decifrando bene quell’annuncio si potrebbe forse arrivare a risolvere il mistero della “fanciulla svedese”, una ragazza scomparsa un anno prima. E l’inchiesta riparte alla grande. Mi fermo qui sulla trama, che lascio al piacere dei lettori. Il giallo, o poliziesco, è un genere letterario. Se ha qualità di stile, atmosfere, caratteri e stoffa narrativa, ha valore letterario e basta, indipendentemente dal genere. E’ il caso di Colin Dexter, che è considerato un ”grande”, appunto, del poliziesco.


Continua

Novità da leggere

La fabbrica delle stelle

17novembre
2016

Il riso fa buon sangue. Ridere leggendo è cosa delicata. Anche perché in letteratura far ridere è molto più difficile che far piangere.

Continua

Novità da leggere

Qualcuno

11novembre
2016

Con gli occhi di una ragazza, di una donna. Anzi, con i quattr’occhi della ragazza. Perché Marie, bambina nella Brooklyn brulicante degli anni Venti, ha qualche problema alla vista e porta occhiali spessi, con le lenti come fondi di bottiglia. E attraverso quel filtro ottico (ma anche simbolico, forse) Marie ragazzina scruta e mette a fuoco il suo piccolo mondo familiare e quello del cerchio urbano denso e circoscritto di Brooklyn nella sua mescolanza di immigrati europei di prima, seconda e terza generazione, soprattutto irlandesi. Il romanzo “Qualcuno” racconta appunto la vita di una ragazza che “è” qualcuno, ha una sua storia unica, anonima ma vera, un suo cammino di sensibilità, affetti, esperienze, letizie, amori, dolori.

Continua

Blog

Letteratura in pericolo?

18febbraio
2017

Tzvetan Todorov (nella foto), importante critico e saggista francese nato e cresciuto in Bulgaria (era arrivato in Francia negli anni 60), morto il 7 febbraio scorso a 78 anni, si chiedeva in un suo notissimo saggio “a cosa serva la letteratura”. E si chiedeva se una certa puntuta critica letteraria accademica e ossessivamente strutturale e stilistica non porti a una disaffezione per la letteratura stessa, per la vita che nutre i grandi libri e dai grandi libri si sprigiona. “Letteratura in pericolo”, edito in italiano da Garzanti, è un “j’accuse” polemico ma documentato, originale, interessante, sul quale viene voglia di accendere discussioni e giudizi.

LEGGI LA RECENSIONE

Blog

Il vecchio e il bimbo

17febbraio
2017

Un nonno di 75 anni, artista pittore affermato ma con qualche dubbio sul proprio valore e soprattutto qualche ansia sul tempo che si fa breve e sulla vita, e un nipotino di quattro anni, di intelligenza acuta, iperattivo e qua e là persino un po' inquietante: nel suo ultimo romanzo, appena uscito da Einaudi, Domenico Starnone (c'è chi dice che ci sia il suo zampino dietro Elena Ferrante...) si diverte e racconta la convivenza stretta di alcuni giorni fra queste due generazioni che saltano quella di mezzo: ma fra tenerezza e comicità Starnone mette anche inquietudine, amarezza e raffinato scavo psicologico.

LEGGI LA RECENSIONE

GUARDA IL VIDEO

Blog

Appunti per un bicentenario

10febbraio
2017

Quest’anno è il bicentenario della morte di Jane Austen, donnina appartata, nubile, di cui abbiamo poche notizie e un solo imperfetto ritratto, dipinto in modo abbastanza dilettantesco dalla sorella Cassandra (nella nostra immagine). Dopo la morte precoce della madre e poi quella del padre, fece la brava zia nelle case di fratello e sorella, raccontava storie la sera ai nipoti. E per fortuna ne scriveva.

Continua

Blog

Jane Austen, sei romanzi da gustare

09febbraio
2017

Bicentenario della morte di Jane Austen (1775-1817).

Lettori, accomodatevi. Di seguito ecco le sintesi, in un lampo, dei sei romanzi della grande scrittrice, da assaporare con le loro bollicine e il loro raffinato retrogusto (nell’immagine, la prima pagina di una delle primissime edizioni, nll’800, del romanzo “Orgoglio e pregiudizio”, in lingua originale)


Continua

Altri post del Blog

Gli utlimi tweet di @faziolimichele