Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

16aprile
2021

Yehoshua Kenaz, “Ripristinando antichi amori”,Giuntina

LEGGI LA RECENSIONE

News

Circoli di lettura: incontri a distanza

09aprile
2021

In attesa di poterci riunire di nuovo in presenza, abbiamo iniziato degli incontri a distanza, via Zoom. Dopo aver lavorato, lunedì 22 febbraio, su "Il silenzio del mare" di Vercors, lunedì primo marzo su "Casa d'altri" di Silvio D'Arzo, e il 29 marzo su "Caro Michele" di Natalia Ginzburg, il prossimo appuntamento sarà:

lunedì 10 maggio, ore 20:30: Yehoshua Kenaz, “Ripristinando antichi amori”, Editore Giuntina

Iscrizioni: info@circolodeilibri o 0041 79 456 44 87.

Per chi non conoscesse ancora quel metodo di riunioni a distanza, basta cercare Zoom su Internet e seguire le procedure. Per ogni aiuto siamo a disposizione.

Gli incontri dureranno un’ora e 30 minuti.

Il costo di ogni incontro è di Fr 20. Per chi già non avesse un credito a proprio favore la quota di 20 fr per lezione va versata a:

Circolo dei libri

6528 Camorino

IBAN CH09 0900 0000 6574 5948 5

News

Una sintesi sul romanzo di dicembre

27novembre
2020

il 30 novembre e il primo dicembre si sarebbe dovuto lavorare, con i nostri Circoli di lettura, su “Washington Square” di Henry James. Incontri annullati, a causa del virus. Ecco qui almeno una brevissima sintesi di commento e una recensione.

VIDEO e RECENSIONE

News

Tabucchi, distante ma vicino

13novembre
2020

Antonio Tabucchi, "Sostiene Pereira", Feltrinelli

Sintesi abbreviata della « lezione » che avrebbe dovuto introdurre gli incontri mensili di novembre (annullati a causa del Covid 19) dei Circoli di lettura dedicati al romanzo di Antonio Tabucchi “Sostiene Pereira” (Feltrinelli). Autore dell’intervento è Michele Fazioli, responsabile del Circolo dei libri. Gli incontri dei Circoli, che riprenderanno non appena l’emergenza del virus sarà rientrata, durano ogni volta due ore e radunano persone che in precedenza hanno letto il libro indicato e ne discutono tra di loro, guidate dal responsabile del Circolo dei libri.

News

Circoli di lettura, autunno 2020

18giugno
2020

Il programma dei Circoli di lettura per l'autunno 2020 (qui una sintesi dei libri) è stato compromesso dalla situazione epidemica. Abbiamo potuto lavorare insieme sul romanzo "Nemesi" dio Philip Roth e, alla presenza dell'autore, sul romanzo "Noi" di Paolo Di Stefano. Per gli altri due libri non è più stato possibile incontrarci. Sul romanzo "Sostiene Pereira" di Tabucchi c'è una lezione video di sintesi che trovate qui, su "Washington Square" di Henry James ci sono il video e la recensione.

Continua

Novità da leggere

Alice McDermott

26marzo
2021

Continua

Novità da leggere

Kaddish.com

19marzo
2021

Continua

Novità da leggere

L’altra donna

12marzo
2021

Continua

Novità da leggere

Borgo Sud

05marzo
2021

Continua

Novità da leggere

Effetto notte

26febbraio
2021

Continua

Novità da leggere

La strada del mare

05febbraio
2021

Continua

Novità da leggere

Il lusso della giovinezza

29gennaio
2021

Continua

Novità da leggere

Persone normali

08gennaio
2021

Continua

Novità da leggere

Le vacanze di Studer

08gennaio
2021

Continua

Novità da leggere

Una giornata

01gennaio
2021

Continua

Novità da leggere

Grandi illusioni

04dicembre
2020

Continua

Novità da leggere

Proprio come te

06novembre
2020

Continua

Novità da leggere

Cose che succedono la notte

30ottobre
2020

Continua

Novità da leggere

Il bambino lucertola

16ottobre
2020

Continua

Novità da leggere

Noi

09ottobre
2020

Continua

Novità da leggere

Desiderio

01maggio
2020

Continua

Blog

Ripristinando i Circoli di lettura

16aprile
2021

Lo scorso 12 ottobre il virus COVID 19 si è portato via, a 83 anni di età, l'importante scrittore israeliano Yehoshua Kenaz (nella fotografia). Prima di ammalarsi stava molto bene, continuava a scrivere e a viaggiare. Quasi come un omaggio alla sua memoria, lavoreremo sul suo bel romanzo "Ripristinando antichi amori", edito da Giuntina (vedi il video qui sopra con recensione) nel nostro prossimo incontro dei Circoli di lettura a distanza: lunedì 10 maggio, alle 20:30. Informazioni sotto "Circoli" nel nostro sito (clicca qui) e scrivendo a info@circolodeilibri.ch

Blog

​Sguardi sull’arte

09aprile
2021

Mentre continuano gli incontri a distanza, via Zoom, dei nostri Circoli di lettura (vedi le NEWS dei nostri Circoli di lettura di Bellinzona e di Lugano), ricordiamo una iniziativa di collaborazione (leggera ma incuriosita) con la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate (che abbiamo in più occasioni visitato con i nostri Circoli). Visto il nostro interesse – diletto – per l’arte (parente stretta della letteratura…) ci è stato chiesto di esprimere ogni mese, con un breve video, un giudizio non tanto di competenza artistica (non possiamo vantarla) ma di emozione e riflessione, di volta in volta, su una delle molte opere – legate profondamente al territorio della Svizzera italiana – della collezione permanente del Museo.

Qui i rimandi per la visione dei video:

Illustrazione: uno dei quadri commentati, “La raccolta delle ostriche”, di Luigi Rossi (1853-1923)

Blog

FERMARE IL TEMPO

02aprile
2021

Il senso dell'arte secondo Giacometti. Vale per il dipingere, lo scolpire, lo scrivere. Il fare musica. Dunque anche per i libri belli e veri.

"Credo che, se si faccia poi scultura, pittura, o si scriva, è sempre per dare un certo senso di permanenza a ciò che fugge. Non si cerca solamente di vedere ciò che si vede, ma si cerca anche di dare a ciò che si vede un senso di permanenza, quasi di eternità"

Alberto Giacometti (1901-1966)

Blog

Parigi, Festa mobile

26marzo
2021

“Se hai avuto la fortuna di vivere a Parigi da giovane, dopo, ovunque tu passi il resto della tua vita, essa ti accompagna, perché Parigi è una festa mobile”. Questa frase scritta da Ernest Hemingway a un amico nel 1950 fu posta nel 1964 sul frontespizio del libro che da essa prese il titolo e che fu pubblicato postumo, dopo la morte dello scrittore, avvenuta 60 anni fa. E’ un libro bello, totalmente autobiografico: è, a tutti gli effetti, la narrazione, detta con la stoffa del miglior Hemingway, degli anni decisivi trascorsi dal giovane scrittore a Parigi. Siamo nei primi anni ’20, Hemingway (qui nella foto all'età, più o meno, degli anni parigini) sta con la prima moglie e il bambino “ in una stanza che guardava su tutti i tetti e i camini dell’alta collina del quartiere, era un piacere. Nella stanza il camino tirava bene, faceva caldo e era un piacere lavorare. Vi portavo mandarini e caldarroste in imbuti di carta”. Oppure andava in un caffè: “Era un caffè simpatico, caldo, pulito e accogliente, e io appendevo il mio vecchio impermeabile all’attaccapanni per farlo asciugare, e posavo il cappello di feltro, logoro e stinto, sulla rastrelliera sopra il sedile e ordinavo un café au lait. Il cameriere lo portava e io toglievo dalla tasca della giacca un taccuino e una matita e mi mettevo a scrivere…Il racconto si scriveva da sé e io facevo fatica a non restare indietro…”. E, più avanti: “ Ma Parigi era una vecchissima città e noi eravamo giovani e là nulla era semplice, nemmeno la miseria, né la luna, né la ragione e il torto né il respiro di chi ci giaceva accanto sotto la luna”.

Altri post del Blog

Gli utlimi tweet di @faziolimichele