Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

15febbraio
2019

Ancora su “Il tunnel”, di Abraham Yehoshua, qui recensito (video e recensione). Alcuni amici lettori mi hanno comunicato il loro apprezzamento per il romanzo. Anche la nostra recensione risulta positiva e prende atto della confermata forza narrativa e dell’originalità stilistica ed espressiva dello scrittore, inconfondibile nel suo racconto della realtà quale osservatore attento di gesti, dialoghi, atmosfere, luoghi: le sue pagine sembrano talvolta delle vere registrazioni fedeli in presa diretta (quasi sonore e visive) di ciò che accade, sistemate con un montaggio agile. Altri amici lettori hanno espresso alcuni dubbi, soprattutto sulla seconda parte e sul finale e con riferimento all’aspetto più psicanalitico-simbolico del romanzo. Non hanno torto. L’aspetto più convincente de “Il tunnel” è proprio il racconto della quotidanità relazionale, del rapporto coniugale sperimentato e trepido fra i due coniugi abbastanza anziani, con la complicazione emotiva e l’ansia e l’affetto in gioco derivati dall’avvisaglia della malattia del protagonista. Anche il rapporto fra il presente da pensionato e la ricognizione reale e sentimentale sul vecchio luogo di lavoro tocca corde umanissime. Più sfuggente, a volte enigmatica fino alla incomprensibilità, è la parte “del deserto”, con una insistenza voluta ma non sempre snellita su “segni” allusivi, e poi le figure strane di quegli arabi clandestini di incerta e vaga identità; e, ancora, la figura e il ruolo della giovane donna (diversamente ma certamente concupita da vari attori maschili del romanzo). Insomma, un grande scrittore, Yehoshua, da prendere però con le “pinze” di una lettura critica attenta. Quando è tentato dal filone espressivo psicanalitico (come negli ultimi romanzi, soprattutto “La scena perduta”), Yehoshua lascia appannare un poco la sua formidabile capacità di raccontare il reale con grande sensibilità, anche riguardo alla complessa situazione umana e culturale della società israeliana odierna.


Continua

15febbraio
2019

Antonio Manzini, "Rien ne va plus", SellerioLEGGI LA RECENSIONE

Continua

08febbraio
2019

Un buon libro è un libro che si ha voglia di rileggere, prima o poi. Il problema è che per sapere se un libro si avrà voglia di leggerlo una seconda volta, bisogna leggerlo una prima volta. E spesso è tempo sprecato. Il lettore accorto matura a poco a poco un suo istinto, un suo fiuto per capire al volo se un libro valga la pena di essere letto. O, meglio, se a quel libro valga la pena di dedicare alcune ore della propria vita. Ci sono così tante cose belle da fare (e da leggere), nella vita, che non vale la pena sprecare tempo.

Nell'immagine: Manuela Generali, Hartos libros, olio (courtesy dell'artista). Manuela Generali, 1948, è una artista svizzera, è nata e cresciuta a Lugano ma da molti decenni vive in Messico, dove è una pittrice affermata e molto apprezzata dalla critica.

Continua

02febbraio
2019

Compie 40 anni un romanzo strano, avvolgente, labirintico, sperimentale di Italo Calvino (1923-1985, nella foto). In "Se una notte d'inverno un viaggiatore"(Einaudi), egli ironizza (un po' sul serio) sull'affastellarsi dei libri che affollano i nostri desideri sconfinati di lettura, naturalmente impossibili. E usa le maiuscole retoriche...

“Già nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento dei Libri Che Non Hai letto che ti guardano accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando di intimidirti…Sventando questi assalti, ti porti sotto le torri del fortilizio, dove fanno resistenza I Libri Che Da Tanto tempo Hai In Programma Di leggere, I Libri Che Da Anni Cercavi Senza Trovarli, I Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento, I Libri Che Vuoi Avere Per Tenerli A Portata Di Mano In Ogni Evenienza,I Libri Che Potresti Mettere Da Parte Per Leggerli Magari Quest’Estate, I Libri Che Ti Mancano Per Affiancarli Ad Altri Libri Nel Tuo Scaffale, I Libri Che Ti Ispirano Una Curiosità Improvvisa, Frenetica E Non Chiaramente Giustificabile (...), I Libri Letti Tanto tempo Fa Che Sarebbe Ora Di Rileggerli e I Libri Che Hai Sempre Fatto Finta D’Averli Letti Mentre Sarebbe Ora Ti Decidessi A Leggerli Davvero.”

Continua

25gennaio
2019

Adelphi regala ai lettori di lingua italiana un romanzo corposo, di aspra vivezza drammatica, dovuto alla grandezza di Isaac Bashevis Singer (1904-1991). Isaac Singer, premio Nobel nel 1978, dalla Polonia nativa migrò con la famiglia da ragazzo negli U.S.A, in fuga dal nazismo (al pari del fratello Israel, morto più giovane e anch’egli scrittore di razza - nei nostri Circoli abbiamo lavorato su “La famiglia Karnowsky”- e della sorella Esther, scrittrice pure lei). Autore di grandi romanzi in yiddish (l’impasto linguistico degli ebrei dell’est europeo decimati dall’Olocausto), Israel Singer fu cantore accorato della scia di umanità resistente dopo la catastrofe della Shoa, e della memoria di un mondo travolto per sempre. Qui ecco un “romanzo d’amore”, la storia di un uomo spaesato, inetto e inadeguato, scampato allo sterminio e riparato in America. La sua inadattabilità alla normalità e le sue ferite interiori ne fanno un assetato d’amore femminile, in un caotico miscuglio di generosità e di bugie, di incoscienza e di goffo disordine. Ne riparleremo

Continua

18gennaio
2019

Parliamo ancora della scomparsa di Amos Oz per suggerirne la lettura e la rilettura. Compie venticinque anni uno dei suoi migliori romanzi, "Non dire notte". Il romanzo ha una sua trama delicata di amore, di vita, di piccoli battiti quotidiani, di memoria e anche di sofferenza (oltre che di letizia) dentro una piccola città nuova, costruita dagli israeliani ai bordi del deserto del Negev. E' una realtà urbana bianca, geometrica, solcata a sera da file di lampioni, investita spesso dal vento che porta sabbia e odori e anche lontananze misteriose dal deserto. E ci sono le calde, afose, silenziose notti d'estate, quando si sta sui balconi a bramare un filo d'aria.

LEGGI LA RECENSIONE

Continua

11gennaio
2019

Torna in libreria, per la puntuale traduzione di Einaudi, Abraham B. Yehoshua (nella foto) con il suo nuovo romanzo: “Il tunnel”, Einaudi. Il lettore riscopre subito lo stile inconfondibile e la forza narrativa dello scrittore israeliano, il quale prende di petto, in modo malinconico ma anche divertito, l’avvisaglia di un principio di demenza nel cervello di un autorevole ingegnere settantaduenne in pensione.. Ci sono parti più coinvolgenti ed empatiche (scandite da piccoli tocchi di umanissima quotidianità e di bellezza affettiva) e parti più strane, enigmatiche, da leggere in filigrana sovrapposta. E’ bello comunque ritrovare la “razza” di uno scrittore vero. E per chi ha apprezzato l’ultimo romanzo di Yehoshua, “La comparsa”, sarà piacevole re-incontrare, in una “comparsata” a sorpresa, Noga, la suonatrice d’arpa che non voleva diventare madre… Ne riparleremo.

Continua

04gennaio
2019

Il 28 dicembre è morto Amos Oz (nella foto), a 79 anni. Con Abraham Yehoshua e David Grossman era uno dei tre “grandi viventi” della narrativa israeliana. Fra i molti suoi romanzi importanti, a parte "Una storia d’amore e di tenebra”, il più autobiografico, denso e complesso, ricordiamo qui quattro titoli che il nostro Circolo ha trattato o tratterà:

“Non dire notte”: una trama di sentimenti e memoria dentro una piccola città nuova ai bordi del deserto del Negev (recensione)

“Tra amici”. Scene di vita quotidiana dentro un kibbutz israeliano. In cui si racconta la vita giornaliera di una umanità al lavoro fuori dal mondo e dentro il proprio piccolo cerchio, alle prese con sogni, delusioni, ideali e inquietudini
(recensione)

“Giuda”. Shemuel Ash, studente universitario affannato intorno a una tesi su “Gesù visto dagli ebrei”, personaggio goffo e distratto, incontra un vecchio infermo e acutissimo di mente e di cultura e una sua donna misteriosa dalla voce affascinante. Da qui si dipana il filo di una vicenda piena di curiosità e sentimenti, di idee e umori difficili (recensione)

“La vita fa rima con la morte”. Uno scrittore si reca in una cittadina israeliana per la presentazione di un proprio libro. Mentre ascolta gli elogi altrui su di sé, egli fantastica in silenzio sulle possibili vite di alcuni fra gli spettatori (un campionario di umanità varia) presenti in sala. (In programma per i circoli di lettura: febbraio 2019)

Continua

18dicembre
2018

Interlinea, piccolo editore italiano di qualità (per riccheza di scelte e rigore grafico) diffonde da anni una singolare collana, “Nativitas”, dedicata al Natale. Quest’anno, fra le novità, anche due racconti e una poesia di Giovanni Orelli, scrittore svizzero italiano (1928-2016). In uno dei racconti l’autore disvela l’ironia di un suo lessicale e giocoso scetticismo. Ma nell’altro evoca l’incanto (e il desiderio misterioso di bene, di bello e di buono) di una Vigilia nella sua Valle Bedretto imbacuccata di neve nel silenzio, quando un ragazzino torna a casa dopo una lunga camminata per portare a casa dal villaggio vicino il pane che era stato mandato a prendere:

«Entrava tutto bianco di neve e con il pane di Natale sulle spalle (…) Era come se tutti i rumori del mondo fossero soffocati, spenti, da un lento, ora, e amichevole, pacato, calmo, bianco e odoroso di buono come il pane fresco, del puro, natalizio cadere della neve».

Continua

07dicembre
2018

La fatica dello scrittore secondo lo scrittore:

“Io prendo le frasi e le giro. Questa è la mia vita. Scrivo una frase e la giro. Poi la guardo e la giro di nuovo. Poi vado a pranzo.Poi torno qui e scrivo una frase. Poi prendo il tè e giro la frase nuova. Poi rileggo le due frasi e le giro tutt’e due. Poi mi sdraio sul sofà e rifletto. Poi mi alzo e le cancello e ricomicio da capo. E se interrompo questo trantran anhe solo per un giorno vengo preso da una noia forsennata e mi sembra di aver perso tempo”.

(Philip Roth in “Lo scrittore fantasma” , Einaudi, il libro su cui a inizio dicembre abbiamo lavorato nei Circoli di lettura di Lugano, Bellinzona e Vacallo).

Foto: Philip Roth (1933-2018)

Continua

Archivio

In morte di Amos Oz

4 gennaio 2019

Una collana natalizia

21 dicembre 2018

Natale di montagna

18 dicembre 2018

I 60 anni del Gattopardo

23 novembre 2018

Una ballata amorosa

9 novembre 2018

Gocce di Nabokov

19 ottobre 2018

Il fiuto del lettore

12 ottobre 2018

Letti a letto

28 settembre 2018

Un nonno in affanno

17 agosto 2018

Appunti cecoviani

3 agosto 2018

Storia di una ragazza

12 luglio 2018

PERCHE' SI SCRIVE...

28 aprile 2018

Scrivere freddamente

13 aprile 2018

I libri, la vita

23 marzo 2018

Un

22 marzo 2018

Angoscia e tenerezza

16 febbraio 2018

Perché leggere romanzi?

10 febbraio 2018

Leggere in treno

19 gennaio 2018

Rileggere Buzzati

15 dicembre 2017

Circoli: un rinvio

28 novembre 2017

Un antipatico che piace

24 novembre 2017

Il mio primo libro

17 novembre 2017

Un cuore in battaglia

3 novembre 2017

Un bel romanzo tedesco

15 settembre 2017

Melodia della terra

8 settembre 2017

Un giallista di razza

1 settembre 2017

QUANTE VITE

11 agosto 2017

Scavi nella memoria

4 agosto 2017

Romanzo di montagna

7 luglio 2017

Un premio meritato

7 luglio 2017

Se si ama, si ama

4 maggio 2017

Letteratura in pericolo?

18 febbraio 2017

Il vecchio e il bimbo

17 febbraio 2017

La ragazza di Bube

27 gennaio 2017

Il cuore di Anna

20 gennaio 2017

BUON NATALE

23 dicembre 2016

Libri, una dimora

14 dicembre 2016

La montagna incantata

2 dicembre 2016

Il Nobel alla canzone

14 ottobre 2016

Gialleggiamo

8 settembre 2016

Boris Pasternak

27 agosto 2016

La maestra dei racconti

15 febbraio 2016

LE VOCI DELLA SERA

18 gennaio 2016

"BENEDETI I ZORZI VILA!"

28 dicembre 2015

LIBRI SOTTO L'ALBERO

14 dicembre 2015

LIBRI PER NATALE

10 dicembre 2015

FIGURINE E FLAUBERT

26 ottobre 2015

DI NUOVO ANNE TYLER

31 maggio 2015

ANCORA SU ANNE TYLER

12 maggio 2015

EMMA COMPIE 200 ANNI

23 aprile 2015

ZIVAGO E' VIVO

13 gennaio 2015

SI RIPARLA DI"GIUDA"

13 gennaio 2015

LIBRI SOTTO L'ALBERO

20 dicembre 2014

UNA LETTRICE CI SCRIVE

16 dicembre 2014

AMOS OZ, DI NUOVO

23 novembre 2014

ANCORA SU AMOS OZ

19 novembre 2014

QUATTRO AMICI AL BAR

25 ottobre 2014

UN ROMANZO INTIMO

20 luglio 2014

FACCIAMOCI DUE RISATE

19 luglio 2014

QUIZ SUBITO RISOLTO

12 maggio 2014

NUOVO QUIZ

11 maggio 2014

200 ANNI PORTATI BENE

25 aprile 2014

UN GRAN BEL ROMANZO

16 aprile 2014

NUOVO QUIZ RISOLTO

15 aprile 2014

QUIZ SEMPRE APERTO

14 aprile 2014

QUIZ

11 aprile 2014

HUCK FINN, GIUSTO

9 aprile 2014

NUOVO QUIZ

8 aprile 2014

QUIZ RISOLTO

6 aprile 2014

NUOVO QUIZ

4 aprile 2014

RIECCOCI

20 marzo 2014

ANCORA SU ALICE MUNRO

12 novembre 2013

ANCORA SU "NEULAND"

8 novembre 2013

LETTORI

3 novembre 2013

DONNE CHE LEGGONO

30 ottobre 2013

ANNOTARE I LIBRI ?

26 ottobre 2013

RISCOPRIRE MALAMUD

24 ottobre 2013

QUANTO PIACE "STONER"!

23 ottobre 2013

ASPETTANDO MALAMUD

22 ottobre 2013

UNA PILA DI LIBRI

19 ottobre 2013

FERMARE IL TEMPO

18 ottobre 2013

COME STANNO I LIBRI?

16 ottobre 2013

LEGGERE IN TRENO

15 ottobre 2013

MA L'HANNO LETTA?

11 ottobre 2013

AL PASSO CON IL NOBEL

10 ottobre 2013

LA FORTUNA DEI MEIJER

9 ottobre 2013

UN POTERE MAGICO

9 ottobre 2013

UNA BELLA NOTIZIA

6 ottobre 2013

COME UN ROMANZO

5 ottobre 2013

I LIBRI E LA REALTA'

4 ottobre 2013

ELOGIO DEI CLASSICI

28 settembre 2013

RILEGGERE CASSOLA

25 settembre 2013

Fabiana (CLEB)

23 settembre 2013

VITA E DESTINO

21 settembre 2013

I LIBRI PARLANO DI NOI

20 settembre 2013

LA PROVA DEL LETTORE

19 settembre 2013

IL LAVORO DEL LETTORE

18 settembre 2013

UNA STANZA TUTTA PER SE'

17 settembre 2013

UN PENSIERO CONDIVISO

16 settembre 2013

SETTEMBRE, ANDIAMO...

3 settembre 2013

LIBRI IN VALIGIA

14 giugno 2013