Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

Il cauto augurio di Capodanno

01gennaio
2017

Giacomo Leopardi: "Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere" ("Operette morali"). "Passeggere: -Quella vita ch'è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll'anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?- Venditore: - Speriamo-." La domanda del passeggere sul futuro, la cauta speranza del venditore. Guardate qui che chicca: un cortometraggio del grande regista Ermanno Olmi, il quale nel 1954 girò 4 minuti proprio su quel dialogo. Gustatelo come augurio per l'anno nuovo. "Speriamo".