Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

Nei romanzi batte la vita

03marzo
2017

(Immagine: Medardo Rosso (1858-1928) “Uomo in lettura”)

Brano di un dialogo da “Il giardino di Amelia”, di Marcela Serrano (Feltrinelli), uscito da pochi mesi:

“Quando penso a tutte le cene cui ho partecipato, a tutti i neuroni che ho logorato, a tutti gli sforzi per ascoltare chiacchiere di cui non mi importava un fico secco, sempre e solo per connettermi con gli altri, perché pensavo, in tutta onestà, che di questo si trattasse. Di essere connessi. Panzane! Delle gran panzane”.

“Bè, non è neanche il caso di vivere come gli eremiti, sarebbe utopistico”.

“Eppure imparo più cose sulla natura umana dai romanzi che dalle creature in carne e ossa. Credimi, posso scorgere la grandezza e le miserie, le luci e le ombre di ciascuno, l’ambiguità, quanto buoni e quanto cattivi possiamo essere. Insomma, là dentro incontro la vita”.

Bella riflessione, anche condivisibile A patto poi di saper uscire ogni tanto dai romanzi, rafforzati dalla conoscenza della vita là dentro acquisita, ed entrare nella vita vera, sperimentando, toccando la realtà.