Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

Memoria dei libri

18ottobre
2019

I totalitarismi, quando vogliono bruciare la libertà, bruciano i libri. Ray Bradbury (1920-2012), scrittore di fantascienza “seria”, aveva descritto nel suo romanzo “Fahrenheit 451” (del 1951) i roghi dei libri attraverso le vicende del pompiere Montag, strumento di un Grande Fratello censorio, per fortuna ravvedutosi. Ne nacque anche il bel film omonimo François Truffaut (1961): strepitosa la scena in cui, camminando nel bosco sotto il nevischio, donne e uomini, giovani e vecchi, leggono più volte a voce alta dei libri sottratti clandestinamente ai roghi per mandarli a memoria e così salvarli e tramandarli: la civiltà della scrittura salvata da quella dell’oralità…

(Un anno fa il regista statunitense di origine iraniana Ramin Bahrani ha realizzato un suo remake di “Fahrenheit 451”, segno che la resistenza dei libri contro le censure, i totalitarismi e l’atrofia culturale è un imperativo morale e di libertà che non trascolora).

.