Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

Calvino e il mare di libri

29novembre
2019

Usciva 40 anni fa “Se una notte d’inverno un viaggiatore” (allora Einaudi, oggi in una nuova edizione Mondadori) di Italo Calvino (nella foto). Un romanzo già in quegli anni “post-moderno”, che è un labirintico gioco narrativo e parla di libri in un libro e dell’impossibilità della narrativa di cogliere la realtà in modo totalizzante: essa, scappando attraverso le scorciatoie dell’invenzione, sfugge sempre di lato. Ma qui come lettori ci interessa l’ironico inizio:

“Già nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento dei Libri Che Non Hai letto che ti guardano accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando di intimidirti…Sventando questi assalti, ti porti sotto le torri del fortilizio, dove fanno resistenza I Libri Che Da Tanto tempo Hai In Programma Di leggere, I Libri Che Da Anni Cercavi Senza Trovarli, I Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento, I Libri Che Vuoi Avere Per Tenerli A Portata Di Mano In Ogni Evenienza,I Libri Che Potresti Mettere Da Parte Per Leggerli Magari Quest’Estate, I Libri Che Ti Mancano Per Affiancarli Ad Altri Libri Nel Tuo Scaffale, I Libri Che Ti Ispirano Una Curiosità Improvvisa, Frenetica E Non Chiaramente Giustificabile. Ecco che ti è stato possibile ridurre il numero illimitato di forze in campo…anche se questo relativo sollievo ti viene insidiato dalle imboscate dei Libri Letti Tanto tempo Fa Che Sarebbe Ora Di Rileggerli e dei Libri Che Hai Sempre Fatto Finta D’Averli Letti Mentre Sarebbe Ora Ti Decidessi A Leggerli Davvero.”