Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

16novembre
2018

Nadia Terranova

Einaudi

(Pierluigi Battista, da “Corriere delle Sera).Non si dà possibilità di superare il lutto se non si dà una degna sepoltura a chi ci ha lasciati. Non ci si affranca da uno stato di dolorosa sospensione, da un vagare tormentoso e irrequieto attorno alle vestigia del passato che non passa mai, fino a che la terra o l’acqua non custodiscano i resti di chi ci ha abbandonato in questo mondo. Ida «sta in mezzo a due terre», da quando era bambina. La sua casa «non è nessuna delle due». C’è la casa che aspetta, nel continente: un marito, una storia senza figli perché da figli si è stati troppo male ed è un cruccio perenne perpetuare la sofferenza in un altro essere umano. E poi, il cuore di questo romanzo, c’è la casa di Messina «che mi dice addio», piena di oggetti che parlano e di cui ci si dovrà disfare. Invece: né qui, né lì, ma dappertutto, davvero dappertutto, nel cuore, nei ricordi, nelle ossessioni, nella vita che rimane, c’è il fantasma inquieto che non avrà pace. L’«addio fantasmi» che compare nel titolo è un’invocazione, una sfida, un’insofferenza. Oppure lo svanire di uno spettro il cui ricordo doloroso avvelena l’esistenza. Ora quel fantasma è lì, in fondo al mare, in uno Stretto che non conosce ponti, nemmeno simbolici. Addio, fantasma del padre che esce di scena, finalmente (…)

A Messina Ida viene chiamata dalla madre che vuole vendere la casa. Deve raccogliere le sue cose, selezionare ciò che deve buttare nella camera che era il suo rifugio quando era ragazza, sorvegliare i lavori sul terrazzo, con un ragazzo greco che le confesserà una storia atroce, ma piena di pathos. Però ogni oggetto, ogni fotografia, ogni frammento, ogni respiro di quella casa racconta di un abbandono, di una disperazione, di un padre che un giorno è sparito nel nulla. È morto? È vivo? (…).

Sono pagine che non inducono alla serenità, queste di Nadia Terranova, ma che caricano i dolori dell’esistenza di risonanze filosofiche sull’assenza, la scomparsa, l’abbandono, la perdita. Non il lutto come normalmente si conosce, un corpo che muore, un funerale, una cerimonia degli addii, un rito funebre: tutti gli atti che scandiscono nel mondo il passaggio di un essere umano da qui all’aldilà. Ma il rimuginare eterno sul «non più». Anzi, non eterno: ma concluso quando una scatola di ferro rosso viene gettata in un meraviglioso stretto di mare. Non la pace interiore raggiunta, perché quella non si raggiunge mai. Ma un ordine ristabilito, la fine di uno smarrimento senza confini. Quando il fantasma, dopo l’addio, esce di scena (p.b.)

02novembre
2018

Anne Tyler

Guanda

Torna in libreria Anne Tyler, 76 anni e 22 romanzi, 10 milioni di copie vendute in tutto il mondo, con assoluto rigore di scrittura. Chi ne ha amato i libri inconfondibili (uno stile minimalista, una attenzione minuziosa per i dettagli, i piccoli scarti di umori, gesti, luci) ritrova il solito “gusto” tyleriano e la sua lezione narrativa: il battito sommesso della quotidianità snoda adagio adagio le enigmatiche piste dei destini e la complessità sfuggente dell’esistenza. Qui, tuttavia, assieme alla conferma di uno smalto ormai classico di scrittura affiorano, da guardare nondimeno con indulgente simpatia, alcune debolezze. La danza dell’orologio, uscito quest’anno in originale e subito tradotto da Guanda, che negli anni è andato pubblicando tutti i romanzi della scrittrice di Baltimora, si costruisce su un ingegno narrativo-temporale. All’inizio scopriamo Willa, Willa Drake, la protagonista del romanzo, nel 1967, quando è una bambina di undici anni, con una sorellina, un padre buono, mite professore con gli occhiali, e una madre difficile, di carattere instabile, in alternanze umorali di affetto e irritazione. Poi, ecco un salto di dieci anni, Willa sta al college e un week end torna a casa per presentare alla famiglia il suo boy friend: imbarazzi, gentilezze, diffidenze, nervosismi. E poi, dopo il 1967 e il 1977, ecco un altro salto, questa volta di vent’anni, nel 1997, e infine un altro balzo di altri vent’anni, siamo al 2017, ai nostri giorni (e qui si tace sul cammino della trama, come sempre). Si capisce bene quindi come Willa sia inquadrata e quasi sorpresa dalla narrazione di Tyler in fasi della sua vita, quasi come affondi di un assaggiatore esistenziale. E allora si compie una commistione singolare di narrazione: i piccoli gesti, gli umori, i dialoghi, il sapore dei minimi riti della quotidianità in presa diretta si sommano adagio e alla fine vanno a comporre il quadro complessivo di una esistenza, con i suoi snodi ed epiloghi ma anche con i suoi enigmi irrisolti. Qui voglio solo dire che Willa, sin da bambina e poi da grande, conduce una vita in sommessa, fiduciosa accettazione di quello che le pare che gli altri vogliono da lei: si rimette a un compito affettivo, femminile. Poi però la vita, quando meno te l’aspetti, apre squarci, spiragli inattesi di accadimenti, e Willa guarda, si sorprende, azzarda, forse cambia. Di grandissima abilità, nel romanzo, è il passaggio da un brusio narrativo di “bassa cottura”, minimalista appunto, a improvvise accelerazioni quasi da “suspense”. La classe non è acqua, come si usa dire. Questa volta però in alcuni punti del romanzo affiora la tentazione (o la cosa è voluta? Se sì, appare forzata) di un bozzettismo di vita provinciale di quartiere, con la sua generosa razione di tipologie marginali, diverse, buone, a fronte della controparte “middle class” digitale e stressata e alienata. Che l’età abbia portato ad Anne Tyler un’ondata di tenerezza solidale? Sarebbe un bene per lei, per questa autrice così intensa e originale, un po’ meno per la lucidità anche un po’ misteriosa, amara e enigmatica della sua scrittura, cui lei ci aveva abituati, se non in tutti, in alcuni suoi memorabili romanzi. Ma Tyler resta Tyler, anche questo romanzo, come tutti ambientato nella placida realtà suburbana di Baltimora, va letto. E gustato.

12ottobre
2018

Richard Ford

Feltrinelli

Un uomo, divorziato, risposato, pensionato, ammaccato da malanni, verso i settant’anni vede un uragano abbattersi sulla costa di mare americano dove un tempo ha abitato felice. La rovina di case e luoghi è come un avvertimento, uno sgomento, un invito a ripensare la propria vita, i propri rapporti. Lui è amaro, incasinato, ha molta storia alle spalle, affetti difficili ma anche qualcuno vero… Cosi si potrebbe tentare una sintesi dell’ultimo romanzo di Richard Ford, 74 anni, uno dei maggiori scrittori statunitensi, di oggi. Ford è un po’ un Philip Roth alla sua maniera: ironico, disilluso, qua e là feroce, incerto sui valori veri e su quelli fasulli, infine per fortuna provvisto di un tocco di residua, compassionevole umanità. Nel frattempo è uscito anche un libro di narrazione ma che non è un romanzo bensì una rievocazione autobiografica dei propri genitori(“Tra loro”: video e recensione nel nostro sito). Ma “Tutto potrebbe andare molto peggio” è di fatto il più recente (e si spera non l’ultimo) romanzo di Ford e compone la quadrilogia avente quale protagonista Frank Bascombe (il primo, “Sportswriter” era uscito trent’anni fa, sono seguiti “Il giorno dell’indipendenza” e “Lo stato delle cose”. Ci sono poi altri suoi titoli, il più celebre dei quali resta “Canada”). Frank Bascombe, come abbiamo detto, viene colto questa volta nello scricchiolare malinconico e umorale di corpo e anima, sul far della sera della vita, quando l’uragano diventa occasione e simbolo di rivisitazione di una esistenza senza troppa gloria, un po’ tormentata e un po’ fiacca, non priva di slanci e di delusioni. La vita, insomma. Bascombe riflette sul vivere e il morire, sulla malattia e la decadenza del corpo. Quando il fieno in cascina degli anni è tanto, per forza di cose tutta quella memoria contiene anche pagine difficili, ammaccature anche pesanti. Il tempo crea piccoli disfacimenti, talvolta drammi seri. Come la perdita per malattia del figlio Teddy, o il rapporto non facile, intermittente, con due figli adulti, che vivono lontano. Frank, accasato con una nuova donna, torna a far visita, con qualche regolarità, all’ex moglie Anne (con la quale ha concepito e avuto il figliolo morto) la quale, in una casa di riposo elegante e agghiacciante, è malata del morbo di Parkinson: la vita davvero non riluce qui di grande brillantezza, per il povero Bascombe. Per fortuna da qualche incontro umano sprizza ancora, in modo flebile, una scintilla buona. Che sia questo tutto ciò cui possiamo ambire, nei tempi supplementari dell’esistenza? Poi c’è il tempo, il tempo che passa e lenisce. Riflette Frank Bascombe: “Una ferita che non senti non è una ferita. Il tempo aggiusta le cose, quasi sempre”. La scrittura di Ford è amara e comica, accesa, irrispettosa, ilare e drammatica, nitida nelle descrizioni di umanità e luoghi.


20luglio
2018

Fernando Aramburu

Guanda

Uscito nel 2016 in Spagna (subito un enorme successo), tradotto in molte lingue e ora in italiano da Guanda, “Patria” di Fernando Aramburu è uno di quei libri che abbracciano il pubblico dei lettori e convincono la critica letteraria: un en plein che succede raramente. “Patria” si legge quasi correndo, conquistati e commossi, trascinati dentro una storia vivida di persone alle prese con le speranze, i rovesci, la normalità quotidiana, le impennate del destino e di una drammatica tensione civile e sociale. I protagonisti di questa storia avvincente, che non concede tregua d’attenzione, sono i membri di due famiglie: padri, madri, figli dentro la vita locale, minuta, di un piccolo paese basco. Ma intorno respira uno sfondo, reale e drammatico, complesso e talvolta fatale. Come accade sempre in letteratura, e nella vita, nessuna trama privata (sentimenti, innamoramenti, rapporti generazionali) può muoversi senza risentire dello sfondo sociale e culturale, della storia grande e minuta che accade, del respiro dei tempi e del tempo. Questa volta siamo in terra basca, dalle parti di San Sebastian, anni Ottanta e seguenti. La lotta indipendentista del separatismo si incarna anche nella violenza del terrorismo dell’ETA. In questi rivolgimenti di ideali e di lotta, di fierezza etnica e di ribellismo rivoluzionario, vengono trascinati i destini di quelle due famiglie, strettamente legate fra loro, amiche da sempre, intrecciate in saldi rapporti affettivi. Eppure la lama dell’ideologia e dell’assolutismo, della lotta oltranzista e del terrorismo taglia il tessuto buono di quella pacifica quotidianità. Una intera comunità viene lacerata dalla contaminazione politica. Saltano rapporti di lealtà, amicizie. Il tremendo assioma per cui “il fine giustifica i mezzi” colpisce gente pacifica, seduce giovani dal cuore acceso e ingenuo, avvelena l’aria morale di un paese. Ma non si spaventi chi teme un romanzone sociale, morale e didascalico. Macché. Qui si leggono vicende private, personali, tenerissime o drammatiche, declinate secondo il solito battito dell’esistenza: vite domestiche, madri che preparano le cene e trepidano per i figli, rapporti coniugali annosi, affaticati ma profondi, innamoramenti giovanili disordinati, fallimenti sentimentali. L’imprevisto irrompere di un dramma civile (non sto a dire nulla della trama: basti dire che un attentato terroristico uccide un uomo, e la scia emotiva di quel fatto è enorme) sconvolge ma non sommerge quel flusso di esistenze tra loro intrecciate. L’espediente narrativo di Aramburu è abbastanza eccezionale: egli mescola i tempi, corre avanti e indietro negli anni, dando la sensazione che tutto ciò che è accaduto può essere poi ripensato e narrato come un fatale, o inesorabile intreccio di destini dentro il filo del tempo. Lo stile è diretto, incalzante, con continue mescolanze colloquiali fra terza persona e prima persona armoniosamente intrecciate, una prosa quasi sensitiva, molto parlata, trepida, emotiva. Si possono trarre lezioni civili e morali, da questo romanzo (come da tutti i grandi romanzi). Ma lo si può soprattutto godere, scoprendo la ricchezza di personaggi ai quali, come succede nei grandi libri, ci si affeziona moltissimo. Nella narrazione di Aramburu affiorano molte parole lasciate in lingua basca, con la loro secca spigolosità musicale: il lettore non si preoccupi, alla fine del libro c’è un ricco glossario a sua disposizione che gli servirà per entrare in atmosfera; poi camminerà da solo.

06luglio
2018

Javier Marìas

Einaudi

E’ l'ultimo romanzo di Javier Marìas, 67 anni, importante e forte autore spagnolo. Claudio Magirs ha definito “un capolavoro” questo romanzo. Che è davvero bello, intenso, leggibile su più piani, fra realismo concreto e appassionante e una sottile simbologia allusiva che parla del tempo che passa e sfugge, della vita che accade, ineffabile, delle lontananze e delle vicinanze, dell’ambiguità di un “io” frantumato, diviso… E’ di fatto un doppio genere: storia sentimentale e spy story, fra Spagna e Inghilterra, fra Madrid e Londra. Ricorda il miglior John Le Carré , qua e là addirittura superandolo. Protagonisti due personaggi: il primo, che dà il titolo al romanzo, è una donna, Berta Isla, figura femminile forte, fedele, intelligente, alle prese con un destino non facile, trascinata dentro un lunghissimo tempo di attesa e di struggimento impotente e tuttavia legata sempre alla radice di un amore . E poi c’è il il suo uomo, a sua volta scaraventato dal destino e dall’imprevisto dentro una storia aggrovigliata e clandestina, nei fitti misteri della vita parallela dei servizi segreti, dove tutto quello che accade, di fatto non accade…. Doppia vita, doppia o plurima identità, “io” e coscienza separati, re-incollati. Marìas racconta questa densa e a tratti appassionante, addirittura struggente vicenda con una narrazione forte, vitale, in presa diretta ma anche con incursioni fra passato e presente, e poi affondi di riflessione alta. Ogni accenno alla trama toglierebbe tensione e fascino alla lettura di questo romanzo, che è davvero un’avventura avvolgente. Di Marìas Einaudi ha pubblicato negli anni anche altri importanti romanzi, fra cui “Domani nella battaglia pensa a me”, la trilogia “Il tuo volto domani” (in cui appaiono anche alcuni personaggi che si ritrovano in quest’ultimo libro che qui presentiamo), “Innamoramenti”.

06aprile
2018

Joshua Ferris

Neri Pozza

I maschi di oggi vivono spesso in modo più pasticciato e complicato di un tempo, a quanto si dice, i loro rapporti con le donne. Sarebbe in corso una specie di mutazione antropologica, un riassestamento travagliato di rapporti di forza consci e inconsci. A raccontare i pasticci di certi uomini con le loro donne (mogli, fidanzate, compagne, ex, eccetera) è Joshua Ferris, scrittore statunitense che si era affermato, anche per noi lettori di lingua italiana, con il romanzo “Non conosco il tuo nome” (Neri Pozza) cui era seguito “Svegliamoci pure ma a un’ora decente” (Neri Pozza). Stavolta, con questo “Invito a cena”, Ferris si cimenta con l’arte difficile - e anche raramente ben risolta – dei racconti, delle storie brevi. Si sa che certi romanzieri allungano il brodo dei loro libri quando basterebbe chiudere molto prima, tagliare qua e là e trasformare l’opera in un racconto, che risulterebbe più asciutto, più godibile. Ma ci sono anche scrittori di racconti che si fermano troppo presto e lasciano come incompiuto lo slancio narrativo che farebbe presagire quasi una specie di romanzo, che però non arriva. In entrambi i casi, assistiamo a prove non riuscite. Poi per fortuna invece accade che esistano grandi autori di racconti, i quali sanno dare alle loro storie la misura compatta e compiuta, perfetta. Il più grande di tutti resta, a mio parere, Anton Cechov (il quale, forse proprio per questo, produsse più di un centinaio di racconti, oltre al teatro, ma non scrisse mai un romanzo anche se certi suoi lunghi racconti hanno la forza piena di un romanzo breve, ecco). Ma ce ne sono altri: mi limito a citare l’Hemingway dei “49 racconti” e altri due americani, Sherwood Anderson e Raymond Carver. Ecco qui ora Joshua Ferris a inserirsi con merito (di cui aspettiamo conferme in futuro) nella lista. E lo fa raccontando proprio, come si diceva, di taluni goffi e sofferti rapporti di maschi con le donne, di certe complicanze loro, di certe paranoie. Di certe incomunicabilità, fra tenerezza e ironia, con risvolti anche di tristezza per impotenza affettiva. La sonda dello “studio umano” di Ferris penetra nei segreti degli animi, coglie al volo frasi, movimenti, umori, e ci restituisce la fatica dei rapporti sentimentali e anche dei rapporti con sé stessi. Il linguaggio è attento, preciso, i dialoghi lucidi, le percezioni psicologiche acute. Ma c’è anche tanta stoffa da “scrittura americana”, in presa diretta, svelta, con tocchi rapidi di ambientazioni. Come questa descrizione della fine quotidiana, feriale, dell’orario di lavoro negli uffici, verso sera, quando una umanità rinserrata nelle stanze per otto ore torna a respirare e ad evadere nel luminoso crepuscolo della città: “Se ne vanno. Un esodo. Fuori dagli ascensori, in strada. Nella luce che svanisce del tiepido sole del Midwest. A prendere il primo respiro della giornata. Grazie a Dio è finita. Accendono sigarette, allentano cravatte. Si raggruppano agli incroci per aspettare il verde. Le donne si rimettono le scarpe da ginnastica. Gli uomini senza mogli si fermano nei Burger King e nei Popeye’s Fried Chicken per pasti discutibili da consumare tenendoli sulle ginocchia durante il viaggio in espresso verso casa. Se non prendono quello delle 18 e12 sono costretti a ripiegare sul locale e a fermarsi a tutte le stazioni: improponibile. Le ore serali sono materia strettamente personale e molto legata al tempo: sono irrequieti e attraversano con il rosso, schivano i passanti e sfrecciano verso le loro destinazioni nella condizione patologica dello “sbrigati-a-tornare-a-casa”.
In questo libro di racconti viviamo undici storie intessute di commozione, comicità, malinconia.


30marzo
2018

Alicia Giménez-Bartlett

Sellerio

Un bel mattino Petra Delicado, ispettrice di polizia a Barcellona (la quale indaga da anni accompagnata dal suo sottoposto, il viceispettore Fermìn Garzon, formando la simpaticissima coppia creata dalla scrittrice spagnola Alice Giménez-Bartlett), si alza e davanti allo specchio fa una scoperta: “La vita è strana, a volte, o meglio la vita è quasi sempre strana. Per moltissimo tempo ti sembra di non invecchiare affatto e poi un bel giorno, davanti allo specchio, ti accorgi che gli anni ti sono piombati addosso tutti insieme. Fu così che mi successe quella mattina. Ero appena uscita dalla doccia e stavo per pettinarmi quando di colpo mi vidi davanti una cinquantenne che mi osservava con diffidenza….”. Petra Delicado si accorge di colpo che il tempo passa, e lei sta invecchiando. Ha poco tempo per struggersi perché deve correre al lavoro, ma ci corre con quella specie di tristezza addosso. Chi ha amato l’ironia, la perspicacia psicologica e gli sfondi sociali e di costume della scrittrice spagnola sa che all’inizio delle sue avventure, parecchi libri fa, Petra Delicado era una piacente donna quarantenne, divorziata e single. Adesso, in questo ultimo romanzo (tradotto ora come tutti gli altri da Sellerio) eccola a cinquant’anni (e nel frattempo le sono successe alcune cose, come i lettori sanno). Se uno proprio volesse cominciare bene dall’inizio e seguire in presa diretta gli anni dell’ispettrice e del viceispettore, potrà cominciare con il primo romanzo, “Giorni da cani”: i due poliziotti infatti camminano nel tempo e, libro dopo libro, si imbattono anche in persone e vicende che, poco o tanto, cambiano la loro vita. Il resto, a seguire. Petra Delicado dunque è una ispettrice di polizia in carriera, senza tuttavia mai essere cinica e conservando bagliori di accigliata tenerezza femminile. Suo fedele e brontolone vice è Fermìn Garzon, un po’ più vecchio di lei, vedovo e puntiglioso. Fra i due corre una stima così solida al punto di permettersi baruffe verbali e scatti malmostosi conditi con dialoghi umoristici spesso esilaranti. Lo humor di Alicia Giménez-Bartlett disegna trame di lievità sul fondo di ambienti e atmosfere spesso cupamente abitati dal male, o dalla corruzione o dalla degenerazione delle passioni umane. In quest’ultimo romano, crisi esistenziale a parte, la coppia divertente deve lavorare duro, alla caccia di un misterioso maniaco, un serial killer che se la prende con le donne. Si scopriranno piste, trame, ambienti, fra i quali il curioso mondo delle agenzie per i cuori solitari. Questa volta ai due investigatori viene affiancato un poliziotto più giovane, della polizia autonoma della Catalogna (ecco un rimando di attualità, visto come il nodo politico catalano sia ormai un tema ricorrente neimedia): lui è un precisino razionale, loro due seguono spesso l’istinto, concedendosi bicchieri all’osteria e gustose “tapas”. Due generazioni diverse, due sensibilità diverse. Alicia Giménez-Bartlett è tornata in libreria, per il piacere dei sui estimatori.

22marzo
2018

Anthony Trollope

Sellerio

Uno dice: 1500 pagine da leggere? Che mattone. Ma è Anthony Trollope, il fecondo scrittore inglese dell'Ottocento, cui il grande e contemporaneo Charles Dickens oscurò un poco la fama ma che resta lui pure un grande della narrativa vittoriana. Sellerio sta pubblicando tutti i suoi romanzi da anni, ed ecco da alcuni mesi in libreria questo "romanzone" in cui Alice Vavassor, bella ragazza inglese di buona borghesia, si ritrova nel dilemma di due fidanzati, uno ex e uno in precaria carica. L’ex è interessante, ardito, abbastanza spregiudicato, persino ambiguo e anche calcolatore. Il fidanzato in carica per contro è un gentiluomo piacente, che vive in campagna, serio e moralmete granitico. Perfetto. Salvo che Alice pensa: “se fosse un po meno perfetto sarebbe molto meglio”… Il dilemma di Alice agita le acque di una narrazione impetuosa, febbrile, con affondi ironici e invenzioni sapienti. C’e anche un capitolo svizzero, quando Alice, in compagnia di un’amica e del fratello di quest’ultima (che altri non è se non l’ex fidanzato) trascorre una vacanza nell’Oberland bernese, dopodiché gli amici sostano a Basilea: in riva al Reno, sulla sontuosa terrazza dell’Hotel “Drei König” (che esiste ancora oggi) si mormorano nella notte estiva parole caute e si fanno pensieri interiori… Si tratta, per riassumere, di una complessa storia d'amore in cui fa capolino anche l'intreccio di potere e appetiti politici, in sottofondo, fra il fascino della sonnacchiosa ma pettegola campagna inglese e il brulichio della grande Londra. Chi ama l’avventura della lettura dei grandi romanzi vittoriani (non solo Dickens, appunto) troverà qui un invito allettante : humor, senso delle scene e dei ritratti, vivezza dei dialoghi, tensione e suspense. Anthony Trollope è davvero uno scrittore di grande razza. Per chi ha la pazienza di abituarvisi e di affezionarvisi, leggerlo è un bel godimento. Prendetevi il vostro tempo.

02marzo
2018

Marco Balzano

Einaudi

Marco Balzano, 40 anni, premio Campiello nel 2015, autore di tre romanzi belli (ne abbiamo parlato qui con grande apprezzamento), torna in libreria con un nuovo romanzo. Sbarcato da Sellerio alla Einaudi, ha lasciato il tema che gli era caro (la migrazione da sud a nord, fra speranza e nostalgia) e ha mosso la sua storia nel Sud Tirolo. In copertina spicca la fotografia dell’ormai famoso campanile sommerso, che è tutto quel che resta in superficie (ed è storia vera) dell’antico villaggio di Curon, seppellito nelle acque artificiali dell’immenso bacino idroelettrico costruito negli anni ’50. Sotto quel campanile nonsta solo una chiesa di pianta romanica, non stanno solo le rovine di un paese che fu: ci sta la memoria di generazioni, affetti, sapienza contadina, sacrificio, lavoro, sentimenti. Storia. Balzano inquadra questa vicenda drammatica risalendo il filo romanzesco di una storia personale, quella di Trina, una donna, una maestra sudtirolese, italiana di cultura tedesca, che racconta, anziana, la sua giovinezza, la sua età di mezzo. E parla senza vederlaa una figlia che è perduta, una bambina che tanti anni prima era scomparsa, portata via dagli zii affezionati cui ogni tanto Trina fiduciosamente la lasciava. Il fatto è che quel brandello di popolazione italiana di cultura tedesca, negli anni ’30 vide arrivare il fascismo con la sua colonizzazione culturale e di potere. Nelle scuole veniva bandito il tedesco e le maestre come Trina insegnavano clandestinamente ai bambini la lingua madre negli scantinati e nelle stalle. Pressati dal fascismo italiano, molti sudtirolesi videronel nazismo, di cultura tedesca, una specie di terra promessa di identità. Molti risposero all’invito germanico di migrare nella grande patria tedesca e partirono, tra cui gli zii con la bambina, la quale non lasciò traccia, se non una lettera. Trina e il biondo e introverso ma generoso marito Erick, con il figlioletto, resteranno feriti profondamente, segnati da quella amputazione. Non sto a dire della trama. Che appassionerà il lettore. Verrà la guerra, con i suoi drammi e lutti, verranno le fughe in montagna, nei boschi, nelle cascine d’altura su nella neve e nel gelo, di chi non vuole più combattere, né per i fascisti, né per i nazisti, e si farà disertore, verrà la pace, finalmente, con i suoi straziati bilanci di assenze. Ma verrà anche il dramma della diga, che vuole togliere terra e casa alla popolazione. Alcuni accettano supinamente, altri se ne vanno, altri ancora decidono di rimanere (“resto qui”) e di battersi. Scrivono al presidente del governo De Gasperi, vanno persino dal Papa. La storia andrà come andrà. Di quell’intreccio di vicende personali, sentimentali, morali, con poca felicità a sprazzi e molto dolore mescolate a quelle delle lacerazioni culturali e di indentità, della guerra, dello strapotere dei “padroni” della Montecatini e del governo che stanno allagando la valle, Marco Balzano si fa cantore sensibile, attento ai caratteri veridei personaggi, alle loro sofferenze, ai loro palpiti esistenziali, ai loro strappi di amore e sofferenza. Dove la storia è più romanzata, avvincente, ritroviamo il Balzano di vena felice. Talvolta lo scrupolo documentario di testimoniare un dramma civile e collettivo si fa qua e là anche didascalico, a scapito della vivezza narrativa. Ma il romanzo si gusta con partecipazione e addirittura con solidale trepidazione per i personaggi. Marco Balzano si conferma narratore originale sicuro, una voce fresca ma anche matura nella narrativa italiana d’oggi.

02febbraio
2018

Richard Ford

Feltrinelli

Richard è un bambino americano nato nel 1944, suo papà di mestiere faceva il viaggiatore di commercio. Era sposato e per parecchi anni la coppia non aveva avuto bambini: anzi, pensava di non poterne averne più. E così il padre viaggiava, settimana dopo settimana, attraversando l’Arkansas e il Mississipi, nel’America profonda, con al seguito la moglie, la quale con lui soggiornava nelle piccole pensioni e dei motel tipici dei commessi viaggiatori. Una coppia affiatata, apparentemente dimessa, con il marito a vendere amido per il bucato alle massaie della middle class, la moglie a fargli compagnia con quieta complicità. Poi, un bel giorno, la donna resta incinta: ecco il bambino che non aspettavano più. Nasce Richard, i genitori sono certamente felici per questo dono inatteso e adesso vi si dedicano completamente senza esagerazioni vistose ma con la tenacia di una fedele tenerezza. Trovano finalmente “terraferma” in una casa dove abitare in modo stanziale e per il padre comincia la fase del suo lavoro di girovago solitario, sempre in automobile dentro il cuore dell’America profonda, tornando a casa il venerdì sera per ripartire il lunedì mattina presto: ogni settimana, dopo la “quaresima” dei giorni feriali in cui Richard e la mamma sono soli, quasi sospesi in una attesa incompiuta, arriva la luminosa festa del week end in cui il babbo torna a casa e si ricrea il calore del piccolo nido familiare. Richard da grande diventerà un importante scrittore: Richard Ford, appunto, uno dei maggiori autori americani contemporanei. Questa volta in un romanzo assolutamente autobiografico egli ha voluto raccontare, quando i suoi genitori ormai sono già morti, quanto egli debba ad entrambi per la crescita della sua affettività positiva, per una infanzia in cui si è sentito amato, per la tranquilla quotidianità normale di una piccola felicità familiare. Richard Ford ha scritto questo libro (lo dice in una bella postfazione) proprio alla memoria di suo padre e di sua madre, raccontando la loro vita di americani medi, anonimi, normalissimi, apparentemente insignificanti, ma per lui profondamente decisivi nel loro averlo amato senza obiezioni o complicazioni ma con un sommesso, amoroso e fedele accompagnamento di vita. Il libro si compone di due parti: la prima parla della figura del padre, la seconda di quella della madre. Si tratta di due sguardi che il figlio rivolge alle figure dei genitori, cogliendo di ognuno di essi quello che la sua memoria di adulto riesce a trattenere frugando nel ricco, prezioso e decisivo bagaglio dell’infanzia. Questo libro è stato considerato, da una giuria di critici letterari organizzata dal settimanale culturale del “Corriere della Sera”, “La lettura”, il romanzo dell’anno, dribblando giustamente le fallaci classifiche dei libri più venduti. Se “Tra loro” sia davvero il romanzo dell’anno non lo so: so però che si tratta di un libro scritto molto bene in cui un romanziere di razza tira fuori quello che ha di più prezioso come espressività narrativa per sciogliere un cantico di gratitudine e di evocazione: per non far morire del tutto ciò che è stato, per salvare il tempo. Ci sono pagine quasi cronachistiche, persino apparentemente pedanti, altre piene di gonfia tenerezza senza nondimeno nessun sentimentalismo. Richard cresce, succedono cose, il destino ha le sue cadenze impreviste da far scontare. Il lettore vedrà. Richard Ford con questo libro ridà indietro una carezza grata ai suoi genitori semplici e comuni che lo hanno amato.

Tutti gli altri libri presentati li trovate nella pagina Recensioni