Circolo dei Libri

Per condividere con altri il gusto della lettura, che per principio è individuale ma poi può anche farsi compagnia.

30settembre
2022

Anne Tyler, "La treccia alla francese", Guanda

LEGGI LA RECENSIONE

News

Circoli di lettura: programma autunno 2022

08agosto
2022

Riprendono gli incontri dei nostri Circoli di lettura.

Domenica 25 settembre: a Corzoneso, in valle di Blenio, alla Casa Rotonda della Fondazione Donetta: incontro dei Circoli riuniti con Sara Catella sul suo romanzo breve "Le malorose" (Casagrande). Sarà un'uscita culturale anche con altri connetti, dalle 14 alle 19.

Lunedì 17 ottobre (Bellinzona, ore 20) e martedì 18 ottobre (Lugano, ore 1630 e 20): Abraham Yehoshua, "L'amante", Einaudi.

Lunedì 7 novembre e martedì 8 novembre a Bellinzona e Lugano:

Jane Austen, "Mansfield Park", Einaudi, Feltrinelli, altri.

Lunedì 5 dicembre e martedì 6 dicembre, a Bellinzona e Lugano:

il libro verrà indicato più avanti.

Modalità di partecipazione e iscrizioni:

info@circolodeilibri.ch

079 456 44 87

Novità da leggere

La treccia alla francese

30settembre
2022

Continua

Novità da leggere

A una voce

09settembre
2022

Continua

Novità da leggere

Serge

01luglio
2022

Continua

Novità da leggere

Le malorose (Confidenze di una levatrice)

17giugno
2022

Continua

Novità da leggere

L'ultimo movimento

03giugno
2022

Continua

Novità da leggere

La sera sulle case

07maggio
2022

Continua

Novità da leggere

Il rovescio dell’abito

22aprile
2022

Continua

Novità da leggere

Dell'anima non mi importa

08aprile
2022

Continua

Novità da leggere

Settimana nera

11marzo
2022

Continua

Novità da leggere

La figlia unica

26febbraio
2022

Continua

Blog

Fate un confronto

19settembre
2022

Volete fare un piccolo assaggio-test? Confrontate i due incipit del romanzo "Il giovane Holden" di J.D. Salinger, 1919- 2010 (nella foto), nelle due traduzioni Einaudi del 1961 e del 2014. Scoprirete ancora una volta che se i testi originali rimangono immodificabili per sempre (e per fortuna) le traduzioni evolvono, si adeguano in qualche modo alla contemporaneità di chi legge. Poi ognuno giudicherà.

Traduzione di Adriana Motti, Einaudi 1961:

"Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, ma a me non mi va proprio di parlarne. Primo, quella roba mi secca, e secondo, ai miei genitori gli verrebbero un paio d'infarti per uno se dicessi qualcosa di troppo personale sul loro conto. Sono tremendamente suscettibili su queste cose, soprattutto mio padre. Carini e tutto quanto - chi lo nega - ma anche maledettamente suscettibili".

Traduzione di Matteo Colombo, Einaudi 2014:

"Se davvero volete sentirne parlare, la prima cosa che vorrete sapere sarà dove sono nato, e che schifo di infanzia ho avuto, e cosa facevano e non facevano i miei genitori prima che nascessi, e altre stronzate alla David Copperfield, ma a me non va di entrare nei dettagli, se proprio volete la verità. Primo, è roba che m'annoia, e secondo ai miei verrebbero un paio di ictus a testa, se andassi in giro a raccontare i fatti loro. Su certe cose sono permalosissimi, specie mio padre. Simpatici, per carità, ma anche parecchio permalosi".

Aggiungiamo, senza impegno, il contributo di un circolo di lettura italiano (Biblioteca di Spinea) che ha un bel nome: "L'ora del tè".
https://www.biblioteca-spinea.it/blog/2015/09/19/la-nuova-traduzione-ha-salvato-il-giovane-holden/

Blog

Il nuovo romanzo di Andrea Fazioli

02settembre
2022

Comunicato stampa dell'editore Guanda:

"Un’indagine per l’investigatore Contini in un romanzo che è «la conferma di un grande talento» (Marco Vichi). Dal 2002 al 2022: vent’anni dopo la prima storia con Elia Contini, Fazioli rinnova il personaggio: Le strade oscurepuò essere definito insieme un punto d’arrivo e una partenza per l’ignoto. La trama poliziesca s’intreccia a una riflessione più compiuta sulla natura umana. Fazioli approfondisce situazioni peculiari della realtà di confine, come la realtà dei lavoratori pendolari tra Svizzera e Italia. Nello stesso tempo compie una ricognizione poetica dei sentimenti, narrando la storia di un padre e di una figlia che insieme provano a resistere in una circostanza difficile.

IL ROMANZO

Ogni giorno all’alba uomini e donne passano il confine tra Italia e Svizzera per andare al lavoro. Si chiamano frontalieri e sono decine di migliaia. Ernesto Magni è uno di loro. La sua sembra essere una vita come tante, finché tra un brusco licenziamento e una separazione mai accettata non prende una brutta piega. Nella vicenda viene coinvolto Elia Contini, un piccolo investigatore privato che vive sulle montagne ticinesi e che, quando non lavora, osserva il mondo con ironia e disincanto. Con tutte le sue scelte esistenziali irrisolte, Contini finisce per trovarsi in una terra d’ombra che dal mondo dei frontalieri si estende a quello degli imprenditori in mezzo a corruzione, violenza, caos. Un noir che scava nella psicologia di protagonisti e comprimari inseguendo una storia di molestie sessuali, soprusi economici, antiche ruggini, ma anche slanci d’amore, tenerezza, intimità. Dove si può anche guardare ciò che accade con gli occhi degli animali immaginari che popolano queste pagine, forme mutevoli, specchi di sogni oscuri o fantastici, da cui fuggire o nei quali al contrario rifugiarsi, con la capacità di sperare nonostante tutto.

L’AUTORE

Andrea Fazioli ha pubblicato per Guanda la raccolta di racconti Il commissario e la badante (2020) e sette romanzi, fra i quali Gli Svizzeri muoiono felici (2018). Ha pubblicato altri libri per altri editori, fra i quali Succede sempre qualcosa (Casagrande 2018), Le vacanze di Studer (Casagrande 2020), a partire da un romanzo incompiuto di Friedrich Glauser, A Zurigo, sulla luna (Capelli 2021), scritto con Yari Bernasconi, La beata analfabeta (San Paolo 2016). I suoi libri sono tradotti in varie lingue. Nel 2017 il presidente della Repubblica italiana gli ha conferito, per la sua opera letteraria, l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia. Ha tenuto conferenze e lezioni in diversi paesi, in ambiti pubblici, privati e universitari; ha fondato il laboratorio Scuola Yanez e insegna scrittura per la scuola Flannery O’ Connor di Milano. Insegnante di liceo, ha collaborato e collabora come giornalista con la Radiotelevisione svizzera(RSI). Ha un blog: www.andreafazioli.ch/blog/.

Blog

Leggere non ruba ma crea vita

20agosto
2022

Scrive Alan Pauls nel suo intrigante e divertente saggio "TRANCE, autobiografia di un lettore"(SUR)

"Ci sono almeno due teorie:

1) Leggere astrae colui che legge; lo rapisce, lo apparta, lo assolve dal mondo (e pertanto si oppone all'azione, alla partecipazione, all'intervento). Corollario: lettura e vita si escludono; c'è un mal di lettura...

2. Leggere insegna, forma, attrezza; fornisce armi, idee, risorse per stare al mondo (e pertanto è condizione di possibilità dell'azione). Corollario: lettura e vita sono complementari; perché ci sia vita (vita "buona", autonoma, nobile, sensibile, ecc.) è necessario che ci sia lettura".

Paulus lascia intendere, e noi siamo d'accordo, che l'ipotesi numero 2 sia quella giusta, per fortuna nostra.

Blog

Lo humor maligno di Nancy Mitford

05agosto
2022

Un consiglio di lettura per l'estate? Ecco, di fresca traduzione italiana presso Adelphi, un romanzo delizioso che ha compiuto 77 anni. Lo pubblicò in Inghilterra nel 1945 Nancy Mitford, scrittrice acuta e impertinente. Siamo negli anni '30, c'è di nuovo odor di guerra e la scena è quella di una grande e bislacca magione di campagna retta da una bizzarra famiglia della piccola aristocrazia terriera. A colpi di humor e di bozzetti quasi surreali Mitford affonda la sua lama sottile nel corpo molliccio della buona società inglese e non fa sconti a nessuno: né ai conservatori imbolsiti, né ai marxisti da salotto, né ai perbenisti in corsa verso denaro, carriere e matrimoni vantaggiosi. Riesce persino a darci la caricatura ( e son passati più di70 anni!) del salutismo esasperato e del "politicamente corretto". I protagonisti principali sono tutti abbastanza stravaganti e dalla noia li salva l'eccentricità. Le ragazze sognano naturalmente l'amore, soprattutto la principale protagonista, viziata, volubile e sventata ma anche coraggiosamente libera e a modo suo pre-femminista.

Altri post del Blog

Gli utlimi tweet di @faziolimichele